E SEI DI CASA CON HOUSE TRAVELLING

Alla "Chiena" di Campagna, è beato chi si bagna

È già da una decina d’anni a questa parte che Campagna, cittadina medioevale in provincia di Salerno e a pochi chilometri da Napoli, polarizza l’attenzione dei vacanzieri spensierati. Chi transita per andare in Cilento o chi vuole semplicemente passare una giornata nella goliardia cercando refrigerio dalle noiose e torride giornate di lavoro, approfitta per andare a godersi ‘A Chiena di Campagna.

Per chi non la conoscesse, ‘A Chiena – la Piena – è una kermesse che annualmente si svolge per le strade del paese dove ogni partecipante condivide con gli altri un solo scopo: infradiciarsi d’acqua da capo a piedi con gavettoni e secchiate. Questo singolare appuntamento nasce da una vecchia usanza, quella di deviare in maniera artificiale il corso dello straripante fiume Tenza, indirizzando le sue acque verso le strade principali del paese. Il periodo d’origine di questa consuetudine è indefinito, e con esso anche il motivo: c’è chi sostiene che sia stata ideata per disinfestare la città dalla peste del ‘600, chi invece per ripulire il corso dagli escrementi degli animali da soma quando d’estate le piogge scarseggiano. Fatto sta che, arracqua oggi, arracqua domani, i cittadini c’hanno pigliato gusto e dagli anni 80 hanno esteso l’invito a tutti coloro che volessero provare l’ebbrezza delle secchiate d’acqua in faccia.

Foto di Al. Farese
Foto di Al. Farese

Ovviamente la festa popolare negli anni si è evoluta, e dal 1995 la Pro Loco “Città di Campagna” gestisce l’evento attraverso esibizioni di personaggi dello spettacolo, concerti, mostre e degustazioni enogastronomiche offerte dalle realtà territoriali. Durante questo periodo, ‘A Chiena si è caratterizzata in due appuntamenti fondamentali: la “passeggiata”, dove ogni sabato pomeriggio e domenica mattina vi ritroverete a camminare con l’acqua fino alle caviglie nell’alveo artificiale del paese, distesi e rilassati come se foste su un bagnasciuga acciottolato; la “secchiata”, l’appuntamento per eccellenza della Chiena, che si svolge ogni domenica pomeriggio tra coloro che sono accorsi – in tenuta da spiaggia e con secchielli, bacinelle o bicchieri di plastica -, pronti a farsi guerra a suon di bombe d’acqua (ma sempre nel rispetto reciproco e attenendosi al Vademecum presente nella pagina ufficiale).

Qui troverete il programma al sito ufficiale della Pro LocoManifesto-a-Chiena2016 che terminerà il 17 agosto, culminando nella “chiena di mezzanotte” che si svolgerà le ultime due sere, nello scenario notturno di un intero paese allagato, di turisti e di acqua.

Quindi, tutto ciò che dovrete fare è, posare i dispositivi elettronici (sennò a fine giornata starete là a compiangerli come in una tragedia in cui la vostra amata muore tra le vostre braccia), munirvi di una maglietta bianca stile panettiere, costume e scarpe strategiche. Pigliate “le armi” e che la guerra abbia inizio: pigliarsi una bacinella d’acqua in testa non è mai stato così appagante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *